12 aprile 2017
pubblicato da Il Ponte

Altri tempi

Altri tempidi Giancarlo Scarpari

Nell’Italia repubblicana le anomalie istituzionali non sono mai mancate. Le cronache giudiziarie di cinquant’anni fa riportavano abitualmente i nomi di questori, vice-questori e ispettori generali di Pubblica Sicurezza che apparivano impegnati nel coordinare indagini giudiziarie, i cui risultati erano dagli stessi anticipati nel corso di abituali conferenze stampa.

Erano prassi e comportamenti arbitrari, perché quei funzionari non rivestivano la qualifica di ufficiali di polizia giudiziaria e perciò, secondo il codice, non potevano dirigere le indagini della magistratura, né tantomeno divulgarne i contenuti.

A queste prassi – che violavano innanzitutto, in modo manifesto, l’art. 109 Cost., secondo cui la polizia giudiziaria dipendeva dalla magistratura e non da altre autorità – reagì il procuratore generale della Corte d’Appello di Firenze, Aldo Sica, con una circolare del luglio 1966, con cui puntualizzò i compiti preventivi spettanti alla polizia di sicurezza e quelli repressivi di competenza della polizia giudiziaria; sottolineò che unico destinatario dei risultati delle indagini promosse da quest’ultima era il magistrato, che la comunicazione di tali notizie ad altri soggetti costituiva violazione del segreto istruttorio e che se un questore avesse in concreto diretto quelle indagini avrebbe commesso il reato di usurpazione delle pubbliche funzioni.

Continua a leggere →

16 maggio 2016
pubblicato da Il Ponte

Vincenzo Accattatis

Vincenzo Accattatisdi Giovanni Palombarini

Vincenzo Accattatis, nato a Cosenza il 29 aprile 1930, è entrato in magistratura nel 1959. Ha svolto la sua attività negli uffici giudiziari di Pisa, fino a raggiungere l’incarico di giudice della Cassazione, dove ha contribuito a trasformare la Corte da organo conservatore a giurisdizione aperta ai principi costituzionali.

È stato un «magistrato scomodo». Così Carlo Galante Garrone definiva quei giudici che negli anni settanta operavano controcorrente, che leggevano le norme dei codici alla luce dei principi costituzionali e che per questo si scontravano spesso con la giurisprudenza allora dominante.

Accattatis, quale magistrato di sorveglianza di Pisa, rimise al giudizio della Corte la questione della legittimità costituzionale di talune misure di sicurezza varate da Alfredo Rocco e mai riviste dal legislatore repubblicano; e, nel frattempo, interpretando la legge esistente in modo liberale («visto e disapplicato l’ordinamento penitenziario» era una formula che caratterizzava alcuni suoi provvedimenti), iniziò a concedere licenze ai condannati alla casa di lavoro (dove questo mancava) perché, anziché oziare in carcere, potessero svolgere un’attività esterna. Per questo si attirò le ire del ministro Gonella, del Procuratore generale Calamari, del Csm, allora monopolizzato da togati e laici di centrodestra, che ne decisero il trasferimento ad altro incarico. Ma, dopo pochi anni, proprio seguendo quella logica e sviluppando quelle innovazioni, sarebbe intervenuta la riforma dell’intero sistema carcerario.

Continua a leggere →

2 novembre 2015
pubblicato da Il Ponte

Sergio Mattone

Sergio MattonePochi giorni fa ci ha lasciato Sergio Mattone, uno dei protagonisti di Magistratura democratica, esperto di diritto del lavoro (per anni ha diretto la «Sezione lavoro» della Corte di cassazione), sempre schierato in difesa della Costituzione repubblicana e dei principi di eguaglianza, formale e sostanziale. Si era impegnato a fondo, anche sulle pagine del «Ponte» per l’indipendenza e l’autonomia della magistratura.

Era convinto che il magistrato dovesse essere tecnicamente preparato, ma che dovesse avere anche una cultura politica. Che non dovesse vivere in spazi chiusi, ma nella comunità intera.

In lui furono presenti cultura giuridica e cultura politica, impegno per democratizzare le istituzioni, applicando la Costituzione. E questo con una piena conoscenza dei limiti del ruolo del magistrato e senza protagonismi.

Crisi del ruolo del magistrato, rinascita in magistratura del corporativismo, ruolo del pubblico ministero, crisi dell’Unione europea erano i temi che Mattone affrontava sul «Ponte» con la competenza che gli era propria. Nel ricordo di lui e coscienti della perdita che la rivista ha subito, di questi temi e problemi continueremo a discutere.

29 giugno 2015
pubblicato da Il Ponte

Maltrattamenti, torture e uso improprio delle armi. Una vecchia storia

torturadi Giovanni Palombarini

[Questo articolo è stato pubblicato nel numero 5-6 de Il Ponte (maggio-giugno 2015). Numero speciale interamente dedicato alla giustizia e curato da Livio Pepino]

1. La tortura non esiste. Non esiste come figura di reato nell’ordinamento italiano, nonostante gli impegni solennemente presi in sede internazionale (la convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura del 1984 è stata ratificata dal nostro paese nel 1988). Non esiste, per le autorità di pubblica sicurezza, come tormento inflitto a un arrestato per sadismo o per vendetta o per ottenere una confessione, perché viene nascosta o negata. E nascondendo o negando, l’autore o gli autori dei tormenti si avvalgono di una rete protettiva fatta di sforzi di comprensione, o di indulgenza, o di indifferenza; o, a volte, di una sostanziale solidarietà da parte di chi dovrebbe chiamarli a rispondere dei reati commessi.

Così come non esiste un uso improprio delle armi neppure secondo l’opinione pubblica, visto che l’ideologia dominante, a parole sensibile al rispetto dei diritti della persona, nei casi concreti è portata di volta in volta a privilegiare le ragioni della difesa dell’ordine pubblico ovvero ipotetici stati di necessità in cui vengono a trovarsi coloro che alle armi fanno ricorso.

Continua a leggere →

15 giugno 2015
pubblicato da Il Ponte

Giustizia e magistrati nel nuovo millennio

Magistratura democraticadi Livio Pepino

[Questo articolo è stato pubblicato nel numero 5-6 de Il Ponte (maggio-giugno 2015). Numero speciale interamente dedicato alla giustizia e curato da Livio Pepino]

1. Quarantacinque anni fa, nel febbraio 1970, usciva il primo fascicolo di «Qualegiustizia»1, rivista radicalmente nuova nel panorama giuridico, destinata a essere, per tutto il decennio successivo2, strumento fondamentale e punto di riferimento per un modo diverso di rendere giustizia3. Fu subito chiaro che si trattava di una rivista eretica, una rivista contro, seppur in una prospettiva di costruzione di un modello alternativo. Contro una collocazione e un ruolo della giurisdizione pesantemente influenzati da un formalismo acritico, da un diffuso conformismo filogovernativo e da una forte volontà di conservazione politica (nonostante il vento del Sessantotto e le lotte operaie del ’69). In quasi mezzo secolo si sono sovrapposte e sostituite generazioni di magistrati. La situazione politica, sociale, culturale del paese è, come ovvio, profondamente mutata. Ed è cambiata la collocazione dei giudici e della giurisdizione nel sistema politico. Da qui la domanda: ha senso, oggi, riproporre l’interrogativo su quale giustizia o si tratta di un amarcord inutile e un po’ patetico? Come sempre, la risposta dipende dal modo in cui si affronta la questione. È certamente inutile e fuori tempo riproporre modelli legati a un’epoca che (nel bene e nel male) non c’è più; è, con pari certezza, utile – anzi necessario – riflettere sui valori e i princìpi sottostati a quei modelli, spesso frettolosamente accantonati da un pensiero dominante che vorrebbe diventare unico.

Continua a leggere →

12 maggio 2014
pubblicato da Il Ponte

Sorvegliare o punire?

Sorvegliare o puniredi Giancarlo Scarpari

[Questo articolo è stato pubblicato sul numero 5 de Il Ponte – maggio 2014]

Lanciando i «mille club Forza Silvio», a Roma, nel mese di dicembre 2013, l’allora Cavaliere Berlusconi aveva accompagnato l’evento con una narrazione del suo impegno ventennale in difesa della libertà e con la descrizione dei quattro colpi di Stato con cui la sinistra, due presidenti della Repubblica e una magistratura politicizzata l’avevano, per questo, ingiustamente perseguitato. Da allora il canovaccio sarà ripreso più volte, con alcune variazioni interne, ma nell’edizione confezionata per la propaganda (La guerra dei 20 anni. Diagnosi di quattro colpi di Stato) la ricostruzione di questa lunga fase della storia italiana, lungi dal costituire la riflessione politica di colui che, in questo ventennio, più di ogni altro era stato alla guida del paese, si rivela impietosamente come la maldestra memoria difensiva di un imprenditore plurinquisito per numerosi reati, prescritto più volte e condannato alla fine per una colossale frode fiscale.

La narrazione parte da lontano. «Si è cominciato nel ’64 con la costituzione di Magistratura democratica, una corrente della magistratura di sinistra vicina al Pci». Poi, con un rilevante salto temporale, «si è continuato con la cancellazione nel ’93 dell’art. 68 della Costituzione», norma scritta per «evitare che gli eletti dal popolo, e con essi la democrazia e la libertà, fossero senza difesa contro l’uso politico della giustizia»; di qui le rovinose conseguenze: «Tangentopoli fu un golpe in guanti di velluto […] Mani Pulite è stata la prima volta (sic!) in cui la democrazia è stata sospesa nel nostro paese».

Gli altri due «colpi di Stato» avevano visto protagonisti i presidenti della Repubblica, Scalfaro nel ’94 (quando, utilizzando la «falsa accusa» mossa a Berlusconi dai magistrati di Milano per le tangenti alla Guardia di Finanza, aveva «convinto» Bossi a «far cadere il governo eletto dal popolo») e Napolitano nel 2011 (quando il presidente della Repubblica, «che già da giugno organizzava un governo tecnico» aveva, in autunno, a sua volta, «convinto» Berlusconi a rassegnare le dimissioni).

Continua a leggere →