La questione israeliana

La questione israeliana

 20,00

La questione israeliana
a cura di Gian Paolo Calchi Novati e Caterina Roggero

Il Ponte numero 11-12 novembre-dicembre 2015

Descrizione prodotto

L’elemento comune di questo numero è il presupposto o la tesi che, appassita e in parte uscita dal proscenio la «questione palestinese» a cui «Il Ponte» dedicò un numero speciale nel 2002, il conflitto che ha tormentato il Medio Oriente dalla fine della Seconda guerra mondiale se non addirittura dal disfacimento dell’Impero Ottomano sia ormai meglio configurabile come «questione israeliana».

I problemi più critici dell’area che si identifica con la Mezzaluna fertile possono essere ricondotti a come lo Stato ebraico, di fronte all’offensiva dell’islamismo radicale e mentre infuria la guerra tra sunniti e sciiti, sullo sfondo di un più generale sconvolgimento della statualità e delle alleanze tradizionali, si ricolloca per conciliare la propria esistenza con la sua inclusione nel Medio Oriente. Forse Sadat – in occasione del viaggio in Israele e del discorso alla Knesset del 1977 – considerava quella inclusione un obiettivo inevitabile o quanto meno funzionale a molti degli interessi in campo, anche nel mondo arabo. Di fatto, però, il processo che si è aperto con la rottura del 1947 non ha mai trovato il modo di ricomporsi, neppure con gli accordi di Oslo. Molti degli articoli ruotano proprio attorno alle anomalie di un ordine regionale senza più vere egemonie, ma anche senza una trama orizzontale accettata e praticata da tutti.

I curatori sono sicuri che – più dei sofismi, anche molto motivati – conti la parte di verità insita nel contributo degli autori, a prescindere dalle posizioni e dagli schieramenti di appartenenza e persino dagli auspici che essi qua e là fanno balenare. Se tale premessa è stata veramente adempiuta, questa analisi della «questione israeliana» potrà risultare un contributo utile a sfatare miti, pregiudizi o false certezze.