16 Luglio 2014
pubblicato da Il Ponte

A nemico che fugge… Vendola e la crisi della sinistra

Vendola e la crisi della sinistradi Fabio Vander

Nichi Vendola ha lasciato filtrare la notizia, ripresa con evidenza da «la Repubblica», di un suo abbandono della scena politica (con relativo trasferimento in Canada) dopo la conclusione del suo secondo mandato di presidente della Puglia.

Era ora ed è un atto dovuto. Lo scriviamo proprio nel numero di luglio del «Ponte». Vendola non può fare altrimenti, dopo il disastro di una Sel ormai disintegratasi, con un partito fuori controllo, preda di pulsioni opportunistiche e dissolventi, con il Gruppo della Camera praticamente scomparso. È l’ora delle responsabilità e l’intero gruppo dirigente di Sel, quello sopravvissuto, deve prendersele.

Potrà esservi futuro per la sinistra italiana solo senza Sel e dopo Sel. Di tempo se ne è perso sin troppo. Almeno dal 2007, quando si è mancata l’occasione per la costruzione di una vera sinistra italiana, autonoma, socialista, organizzata e alternativa al progetto del Pd. Ingrao ce lo disse alla nuova Fiera di Roma giusto nel 2007: «sbrigatevi a fare il nuovo partito della sinistra!». E infatti…

Continua a leggere →