4 Ottobre 2019
pubblicato da Il Ponte

Nuove aperture per la giustizia sui delitti di Stato

di Luca Baiada

Una pronuncia della Cassazione dà nuove possibilità all’esecuzione forzata sui beni di uno Stato estero[i]. Le condanne ai risarcimenti a carico della Germania, per stragi e deportazioni, si susseguono da anni e sono eseguibili; l’ultima è di agosto, del Tribunale di Brescia, per oltre un milione di euro[ii]; la realizzazione effettiva dei crediti è sempre più urgente. E poi ogni orientamento della giurisprudenza, su questo, potrebbe riguardare la guerra mondiale come crimini molto più recenti. Sono delitti di Stato anche i casi di Giulio Regeni e Andrea Rocchelli.

La controversia che ha portato alla nuova decisione ha ancora alla base il credito di un ente greco per la strage di Distomo del 1944, con una sentenza emessa in Grecia e resa esecutiva in Italia nel 2006. Siamo di fronte a un altro ramo del contenzioso che ha riguardato la Villa Vigoni, a Como, deciso l’anno scorso in senso sfavorevole ai creditori, ma per motivi che riguardano solo quel bene[iii]. Identico è il credito, diverso l’oggetto su cui i creditori tentano di eseguirlo. Incidentalmente va ricordato che l’assoggettamento della Villa all’esecuzione è stato escluso in modo non definitivo: in quel processo non c’è stato un esame sul merito del Deutschlandvertrag e dell’Accordo di Londra.

Continua a leggere →