25 ottobre 2018
pubblicato da Il Ponte

Il Nobel per l’Economia 2018

Nobel Economia 2018di Mitja Stefancic

Non è stata premiata una donna con il Nobel per l’Economia, come volevano le voci di corridoio negli ultimi giorni. Sarebbe stata appena la seconda volta, dopo Elinor Ostrom nel 2009, ma così non è stato. Sulle principali candiate elencate come possibili vincitrici di questo prestigioso riconoscimento (Esther Duflo, Anne Osborn Krueger, Claudia Goldin e Janet Currie) hanno prevalso gli americani William D. Nordhaus e Paul M. Romer, ottenendo il riconoscimento per i loro contributi sullo studio dei cambiamenti climatici, sull’innovazione tecnologica e la crescita endogena.

Continua a leggere →

1 agosto 2018
pubblicato da Il Ponte

Minoranze linguistiche e diritti ancora da ratificare

Lamberto Zannierdi Mitja Stefancic

Pur avendo fatto passi in avanti, l’Italia non ha ancora raggiunto degli standard ottimali nella tutela delle minoranze etniche autoctone che risiedono entro i confini nazionali. A ricordarlo è stato Lamberto Zannier, commissario Osce, durante la conferenza internazionale che si è tenuta il 16 luglio a Udine. L’Italia infatti a oggi non ha ancora ratificato la Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, un documento importantissimo per proteggere i diritti delle minoranze etniche, in primis quello di tenere viva la loro cultura, con la possibilità che la stessa si possa sviluppare nel tempo.

Di cosa si tratta precisamente? La Carta europea delle lingue regionali o minoritarie rappresenta un impegno scritto del Consiglio d’Europa a favore della protezione delle minoranze etniche. Che l’Italia non l’abbia ancora ratificata appare tanto più sorprendente se si tiene conto che la stessa Costituzione italiana spinge a riconoscere e a tutelare le lingue e le culture minoritarie. L’Art. 6 della Costituzione infatti tutela le minoranze linguistiche intese come minoranze etniche culturali, consentendo l’emanazione di apposite norme per la loro salvaguardia.

Continua a leggere →

22 dicembre 2017
pubblicato da Il Ponte

Liquidazione della Holding KB1909 Spa e possibili conseguenze per la comunità slovena in Italia

di Mitja Stefancic

Desta apprensione tra la comunità slovena in Italia la recente notizia di messa in liquidazione della KB1909 Spa, holding finanziaria con sede in via Malta, 2, a Gorizia, che svolge un ruolo rilevante per gli equilibri economici e finanziari della suddetta comunità. La KB1909 aveva in passato importanti partecipazioni e investimenti nell’informatica, nell’industria dei medicinali, nell’alimentare, nel settore finanziario, nell’editoria e, infine, nel settore immobiliare. Nel 2007 la società si è quotata con successo nella Borsa di Lubiana, in Slovenia. Poi qualcosa si è evidentemente inceppato. L’espansione del gruppo, avvenuta in modo rapido, attraverso un indebitamento certamente non privo di rischi, ha iniziato a pesare. Il peso è aumentato anche per via dell’evoluzione della crisi finanziaria e quella parallela nell’economia reale, che ha colpito anche i mercati di riferimento del gruppo KB1909.

La proposta di liquidazione della KB1909 Spa è stata pubblicata nella «Gazzetta Ufficiale» in data 19.10.2017, a seguito di una gestione sempre più difficoltosa della menzionata società, aggravata per esempio da alcuni investimenti poco redditizi e dalle perdite in alcuni settori imprenditoriali – tra tutti quello della torrefazione e del commercio del caffè. Nei mesi scorsi si sono susseguite comunicazioni contraddittorie sullo stato di salute della menzionata società: nonostante alcune perdite di non poco conto registrate, per l’appunto, negli esercizi passati, sembrava che ci fossero i presupposti per rimettere la KB1909 Spa in carreggiata, riportando il gruppo a una gestione più equilibrata e sostenibile.

Continua a leggere →