Processi penali corretti, con garanzie

Processi penali correttidi Vincenzo Accattatis

Processi penali corretti, con garanzie; costruire, semmai, in Italia un migliore Stato di diritto. Un episodio: da par suo, sul «manifesto» di domenica, Livio Pepino ha analizzato un’ordinanza del Tribunale di riesame di Torino.

I fatti: otto attivisti No Tav sono indiziati per resistenza a pubblico ufficiale, o, semmai, altro (le imputazioni sono sempre fluide, la certezza processuale è nella sentenza definitiva). Il 17 settembre 2015 un attivista No Tav ha rifiutato di dare le proprie generalità a una pattuglia di carabinieri e, in seguito, un altro attivista ha  strattonato un maresciallo dei carabinieri. Erano presenti altri attivisti, ma non hanno aperto bocca – fatti già accertati, come da ordinanza. Fatti già tutti chiari.

Deve solo seguire il processo con condanne o assoluzioni: ma processo contro chi? Questo il primo problema.

Contro tutti gli otto attivisti, anche contro coloro che – è accertato – non hanno aperto bocca?

Principio fondamentale di diritto penale: la responsabilità penale è personale.

«Quali ragioni di urgenza», si è chiesto Pepino, imponevano misure cautelari eseguite anche di notte in modo spettacolare contro tutti gli attivisti? Vi sono state perquisizioni domiciliari e personali umilianti. Perché perquisizioni anche nei confronti di tutti coloro che erano presenti ma non hanno aperto bocca? Intento persecutorio politico contro i No Tav, volontà di criminalizzare «il movimento in quanto tale», scrive Pepino.

Il popolo, “la gente”, non deve disturbare i manovratori politici. I manovratori non devono essere sottoposti a controllo di popolo.

Segnale preoccupante. Occorre prendere posizione.

Print Friendly, PDF & Email

Non è possibile lasciare nuovi commenti.