22 maggio 2018
pubblicato da Il Ponte

Macron 2.0: una internazionale liberista per l’Europa

Macrondi Piergiovanni Pelfer

Da «Il Giornale.it» di venerdì 11.05.2018, ore 15:24, firmato Ivan Francese, apprendiamo che Macron ha lanciato un messaggio europeista e lo ha scritto in italiano:

«Il presidente francese pubblica un appello all’unità e al coraggio all’interno della Ue, scrivendo in italiano sul suo profilo Facebook.
Emmanuel Macron si lancia in un appassionato appello a favore dell’Europa e contro i sovranismi nazionali. E per farlo sceglie la lingua italiana, in un breve post comparso sul suo profilo Facebook ufficiale nelle prime ore del pomeriggio di oggi.
“Per l’Europa, scrive il presidente francese, non siamo deboli. Scegliamo. Non siamo divisi. Uniamoci. Non abbiamo paura. Osiamo fare. Non aspettiamo. Agiamo ora”.
Un appello al coraggio, all’unità e all’azione che arriva in anni non facili per l’Unione europea. Fra poche settimane ricorreranno i due anni dalla Brexit, la prima volta in cui uno Stato membro ha votato liberamente per secedere dall’Unione. E non è un caso che Macron abbia scelto di scrivere proprio in italiano esattamente nelle ore in cui a Roma sta per nascere un governo imperniato sull’alleanza fra Lega e M5S, cioè fra i due movimenti politici più critici verso gli attuali vertici politici della Ue che a Bruxelles vedono con il fastidio che dà il fumo negli occhi e forse, ormai che sono davvero vicini, come mai prima, alla presa del potere, anche con un po’ di paura».

Continua a leggere →

23 febbraio 2018
pubblicato da Il Ponte

Elogio dell’opposizione

Le Canard Enchaînédi Piergiovanni Pelfer

La golden rule per stabilire la qualità della democrazia in un paese consiste nell’osservare quale spazio e quale agibilità politica è riservata ai partiti, ai movimenti, ai sindacati, alla stampa e in generale alle iniziative delle opposizioni. Nel senso comune la mancanza di un’opposizione forte è un indicatore di una democrazia debole e di un sistema politico che può variare da un sistema autoritario a un sistema chiaramente reazionario e fascista.

Quando parliamo di sistemi democratici intendiamo quei sistemi nati dopo la Seconda guerra mondiale dalla sconfitta del nazifascismo e le cui costituzioni, come quella italiana, sono una sintesi del pensiero liberale, socialista e cristiano precedente e seguente quella sconfitta. Con questo non intendiamo addentrarci in un’analisi approfondita di questi sistemi né affermare che non ne esistano di migliori. Prendiamo come un dato di fatto, un framework, che l’azione politica di ognuno di noi si svolge in relazione con questi sistemi democratici.

Continua a leggere →