Del povero Pd (e degli altri)

Sinistra italianadi Rino Genovese

Se fossero fino in fondo sinceri con se stessi, i Prodi e i Bersani avrebbero dovuto ammettere da tempo che dare vita al Partito democratico fu un errore. Per contrastare un blocco populistico di destra spesso spostato su posizioni estreme, e seguendo il miraggio di una democrazia dell’alternanza tra una formazione di centrodestra e una di centrosinistra, spinsero per la liquidazione dell’esperienza post-comunista dei Ds e post-democristiana della Margherita, per ottenere alla fine quale risultato? Il blocco populistico di destra c’è sempre ed è sempre più spostato a destra; inoltre – per partenogenesi, si potrebbe dire – è nato e si è rafforzato un neoqualunquismo uguale e contrario come quello grillino – stessa antipolitica, stesso leaderismo pseudocarismatico, che pesca in questo caso nelle acque tradizionali della sinistra.

E ancora: quella sinistra di derivazione Ds che credeva di poter indefinitamente controllare il proprio mostro di Frankenstein fatto di primarie a sfondo plebiscitario, per giunta malamente organizzate, spezzoni di affarismo organizzato in lobbies – e infine, certo, anche di elettori e di militanti illusi e onesti –, ha dovuto arrendersi dinanzi al primo capitano di ventura venuto da Firenze a scalare un partito perfettamente scalabile. Sta nelle origini del Pd il difetto di fondo. Ciò che ne è seguito – il mimetismo nei confronti del modello e delle proposte berlusconiane, la formula neocentrista basata sul trasformismo parlamentare, l’attacco alla Costituzione sotto il pretesto di riformarla e in realtà con l’intenzione di correggere la nostra repubblica parlamentare mediante un premierato forte –, tutto ciò è una conseguenza della scelta iniziale, di quel difetto irrimediabile.

Da tempo attendiamo che la componente bersaniana del Pd comprenda il pasticcio in cui si è cacciata e si volga alla costituzione di una nuova forza di sinistra, con i piedi piantati nel socialismo europeo e, insieme, con la capacità di saper vedere al di là della eclissi di questo stesso socialismo. Anziché alla scissione di una corrente, magari tardiva ma ancora necessaria, assistiamo oggi alla fuoriuscita dal Pd di persone degnissime, che un po’ alla spicciolata vanno a formare – anche con l’apporto di transfughi dal movimento grillino – una sorta di Sel allargata che prende il nome di “Sinistra italiana” (il quale, per chi ha memoria lunga, avrebbe dovuto essere già il nome di quella formazione che fu poi battezzata Sel).

È qualcosa, ma è ancora troppo poco. Questo gruppo ha sulla carta il quattro per cento dei voti, non abbastanza in verità per confrontarsi e competere, al tempo stesso, con Grillo e con Renzi, e neppure sufficienti per incalzare l’uno o l’altro e costringerlo a un’alleanza, o meglio a un compromesso, in chiave di governo. Naturalmente la partita è ancora tutta da giocare, quindi non si può che salutare con speranza la nuova formazione di sinistra. Ma bisogna sapere che non basta.

Print Friendly, PDF & Email

Non è possibile lasciare nuovi commenti.