Il reato di clandestinità un’assurdità, per questo teniamocelo

reato di clandestinitàdi Rino Genovese

Dunque è chiaro, conclamato, va in questo senso anche il parere del procuratore nazionale antimafia: il reato di clandestinità non soltanto è una fattispecie ripugnante al “diritto delle genti”, come lo si chiamava una volta, ma una vera e propria stupidaggine inapplicabile. Pensate un po’, a un disgraziato che arriva sulle nostre coste dopo mille peripezie, se condannato, viene comminata una pena pecuniaria… gli si rovista tra le poche cose che è riuscito a salvare, a portare con sé, e non gli si trova il becco di un quattrino… fine del discorso riguardo alla pena. Per quanto riguarda le indagini sui trafficanti di esseri umani, le conseguenze di questo “reato” sono ancora più esilaranti: interrogato come imputato, e non come persona informata dei fatti, il “clandestino” può avvalersi della facoltà di non rispondere, il che gli sarebbe precluso in qualità di semplice testimone: così portare allo scoperto le reti dei trafficanti diventa più difficile. In sostanza la giurisprudenza circa il reato di clandestinità non viene applicata perché inapplicabile e controproducente.

Ma il governo Alfano-Renzi ritiene, alla fine, che sia meglio non intervenire lasciando le cose come stanno (del resto Alfano faceva già parte di quel governo Berlusconi che volle la legge), perché nel paese, come in tutta Europa, c’è un senso di allarme nell’opinione pubblica riguardo all’immigrazione (a Colonia non erano forse immigrati i molestatori della notte di capodanno?), e quindi anche la giurisprudenza deve adeguarsi. Poco importa che una legge sia assurda, oltre che ripugnante: importante è che venga incontro alle paure della gente. Abbiamo così una nuova scienza del diritto basata sulla psicologia di massa.

Questa logica governativa italiana, che è poi finalizzata a non andar giù nei sondaggi e ad agguantare voti, è uno dei segni più evidenti di perdita di serietà della politica. Mutatis mutandis, in una situazione di allarme molto minore, in Italia si fa quello che si fa in Francia. Da noi non viene tolta di mezzo un’assurdità legislativa di pura marca demagogica berlusconiana, mentre nel paese d’oltralpe si propone una legge altrettanto inefficace, addirittura controproducente nei suoi effetti simbolici, sulla “decadenza dalla nazionalità” per coloro che siano condannati per reati di terrorismo. Come se a qualcuno che sceglie il martirio possa importare qualcosa di essere o non essere cittadino francese. Ma tant’è: bisogna andare dietro agli umori della gente anche quando questi, oltre a essere di destra, sono palesemente irrazionali.

Print Friendly, PDF & Email

Non è possibile lasciare nuovi commenti.